El Perrucchee de Dona
Canzone Milanese di D’Anzi – Bracchi
Gianni Magni

som

I

Girando per le strade
te leget fundeghée
Guardini e Faccincani
salumi prestinée
e dove in tempi antichi
a gh’hera un perrucchée
adesso tu leggi Aldo
tintura cunti l’hennée.
Ghe va la contessina,
la tusa del tollée,
la dama e la sartina
dal vivo perrucchée.


Ritornello
Alfredo fam el neo sul barboss
Giovanni g’hu tri peli chi sul goss
Arturo più mi lisci e più mi piaci
Osvaldo sta attento al tira baci.
Stan sotta a un macchinari per tre our
e riscen polmoniti e raffredur;
per far la messa in piega son capaci
de suppurtà la pena del Signour.
Chi voer la permanente
chi voer la riga in mess
chi un ricciolo fuggente
ch’el ghizza come un pess,
e appena che hann finii de petenas,
de fass la manicur de depilass,
a giren per la cà cunt i sciavatt
o curen in cursina a lava I piatt.

II

Sti celebri master
ti vedet lavurà
che paren professuri
dell’Università.
El pettin in l’uregia
a guisa d’un Pennell,
se creden immurtali
se creden Raffael.
Ma i donn in entusiasta
e spenden fiur de ghei
per mettes la tintura
che fa crudà I cavei.

Ritornello

Alfredo fam la tinta verderam
Giovanni  stai attento nel bisciam
Arturo mettum su la vaselina
Osvaldo mi consigli uma retina?
Chi vör sembrà Madama Pompadur,
chi vör un rissulin cul mazz de fiur,
lo spruzzo de lavanda parigina
come la penelada d’un pittor.
Vorrei la cipria rosa
la crema libertì
e poi qualche altra cosa
de mettum nott e dì.
Sta moda l’è una frivola invenzion
che costa mi so no quanti milliun.
Perchè perdii del tempo a fas biscià
se l’è inscì bel a fas dispetenà.