AVANTI E INDRÈ

Nilla pizzi

 

Quand’ero piccolino
la vecchia zia Evelina
in cambio di um inchino
mi dava mezza lira
e allora me ne andavo
di corsa sul bastion
salivo sulla giostra
al dolce suon d’un organino
e sul cavallo a dondolo
cantavo una canzon.

Cincin che bel ohé ohé ohé
Cincin che bel ohé ohé ohé
Cincin che bel ohé ohé ohé
avanti e indré avanti e indré
che bel divertimento
avanti e indré avanti e indré
la vita é tutta quá.

Divenni piú grandino
e marinando scuola
al pubblico giardino
conobbi una bambina
avenne che il mio cuore
di colpo s’incendió
la sera lei passava
sotto la mia finestrella
vedeva il padre mio
e sospirava allor cosí

Cin cin che bel ecc...ecc...

Ma un giorno la bambina
partí per far l’alpina
scriveva letterine
amore sto benone
che pacchia nel cortile
del grande casermon
chilometri e chilometri
col 91 a spalla
e insieme al maresciallo
ripetiamo una canzon.
Cin cin che bel ecc... ecc...