'E Spingole Francese!

Di De Leva – Di Giacomo
Canta Carosone

som

I. Strofa: Nu juorno me ne iette da la casa
ienne vennenno spingole frangese;
Nu juorno me ne iette de la casa
jenne vennenno spingole frangese;
me chiamme na figliola: « Trase, trase!
Quanta spingole daie pe nu turnese?
Quanta spingole daie pe nu turnese? »

I. Ritornello
E io che so’ nu pouco veziuso,
sùbbeto mme mmuccaie dint’a sta casa...
Ah! Chi vo’ belli spingole frangase!
Ah! Chi vo’ spingole, ah! Chi vo’!
E io che so’ nu pouco veziuso,
sùbbeto mme mmuccaie dint’a sta casa...
Ah! Chi vo’ belli spingole frangase!
Ah! Chi vo’ spingole, ah! Chi vo’!

II. Strofa:
Dico io: «Si, tu me daie tre o quatto vase
te donco tutte ‘e spingole frangese,
pizzeche e vase nun fanno pertose,
e può iènghere ‘e spingole ‘o paese!
e può iènghere ‘e spingole ‘o paese!

II. Ritornello:
Sentite a me, ca pure ‘m Paraviso,
‘e vase vanno a cinco nu turnese...
Ah! Chi vo’ bell spingole frangese!
Ah! Chi vo’ spingole, ah!Chi vo’!
Sentite a me, ca pure ‘m Paraviso,
‘e vase vanno a cinco nu turnese...
Ah! Chi vo’ bell spingole frangese!
Ah! Chi vo’ spingole, ah! Chi vo’!

III. Strofa:
Dicette: «Bello mio chesto è ‘o paese
ca si te prore ‘o naso muore acciso ».
Dicette: «Bello mio chesto è ‘o paese
ca si te prore ‘o naso muore acciso ».
e io rispunnette: « Aggia pacienzia scuse,
‘a tengo “a nnammurata e sta ‘o paese!
‘a tengo “a nnammurata e sta ‘o paese! »

III. Ritornello
E tene ‘a faccia comme, ‘a fronne ‘e rose,
e tenne a vocca comme ‘a na cerasa!
Ah! Chi vo’ bell spingole frangese!
Ah! Chi vo’ spingole, ah!Chi vo’!
E tene ‘a faccia comme, ‘a fronne ‘e rose,
e tenne a vocca comme ‘a na cerasa!
Ah! Chi vo’ bell spingole frangese!
Ah! Chi vo’ spingole, ah! Chi vo’!