GUAPPARIA

Massimo Ranieri


Scetateve guaglione è mala vita
ca e’ntussecosa assai sta serenata
i songo’o nammurato è margarita
ch’e a femmena cchiù bella d’a’nfrascata.

L’aggio purtato ò capo cuncertino
p’ò sfizio è fa sentere cantà
m’aggio bevuto nu bicchiere è vino
pecche stanotte a voglio’ntussecà
scetateve guaglione è mala vita.


E accumparuta a luna all’intrasatto
pe’lle do ò sfizio è me vedè ditrutto
pe chello che sta femmena m’ha fatto
vurria che a luna se vestesse è luto.

Quanno se ne venete à parte mia
cro ò cchiù quappo è vascio a sanità
mo c’aggio perzo tutt’a guapparia
cacciatemmene à dint’a suggità
scetateve guaglione è mala vita.


Sunate giuvinò vuttate è mane
nun vabbelite ca sto buono è voce
i me fido è cantà fino a dimane
i metto’ncroce a chi m’ha miso’ncroce.

Pecchè nun va cchiù a tiempo ò mandulino
pecchè a chitarra nun se fa senti
ma comme chiagne tutto o cuncertino
addò che avesse chiagnere sul’i
chiagneno sti guaglione è mala vita.