LA SOCIETÀ DEI MAGNACIONI

Claudio Villa

 

Facete te largo che passamo noi
sti giovanotti de sta Roma bella
semmo ragazzi fatti cor pennello
e le ragazze fammo innamorà
e le ragazze fammo innamorà.

Me che ce frega ma che ce’mporta
se l’oste ar vino cià messo l’acqua
e noi ie dimo e noi ie famo
ciai messo l’acqua e non te pagamo
ma però noi semo quelli
che iarrisponnemo’ncoro
e mejo er vino de li castelli
che questa sozza società.

E si per caso la sociera more
se famo du spaguetti amatriciani
bevemo un par de litri a mille gradi
s’ambriagamo e’nce pensamo più
s’ambriagamo e’nce pensamo più.

Che cià rifrega che cià rimporta
se l’oeste ar vino cià messo l’acqua, ecc... ecc...

Ce piaciono li polli
l’abacchi e le galline
perchè so senza spine
non so come er baccalà
la società dei magnacioni
la società della gioventù
a noi ce piace de magna e beve
e non ce piace de lavorà.

Portace nantro litro
che noi ce lo bevemo
e po iarrisponnemo
embè, embè, che c’è.

E quanno er vino embè
arriva ar gozzo embè
ar gargarozzo embè
ce fa’nfiecazzo embè
pe falla corta
pe falla breve
mio caro oste portace da bève
da bève, da bève, olè.