LUNA ROSSA

Claudio Villa

Vaco distrattamente abbandunato
l’uochie sott’o cappiello annasconnute
mane int’a sacca e bavero aizato
vaco fiscanno e stelle ca so asciute.

E a luna rossa me parla è te
io le domando si aspiette a me
e me rispunne si vvuò sapè
cca nun ce sta nisciuna
e io chiammo o nome pe te vedè
ma tutta à gente ca parla è te
rispunne e tarde che vvuò sapè
cca nun ce sta nisciuna.

Luna rossa chi mi sarà sincera
luna rossa se n’è ghiuta
ll’ata sera senza me vedè
e io dico ancora c’aspietta a me
fora ò balcone stanotte è tre
e prega e sante pe me vedè
cca nun ce sta nisciuna.

Mille e cchiù appuntanente aggio tenuto
tante e cchiù sigarette aggio fumato
tante tazze è caffè me so bevuto
mille vucchelle amare aggio vasato.

(Finale)
Luna rossa
cca nun ce sta nisciuna.