MALAFEMMENA

Luciano Bruno

Si avisse fatto’a n’ato
chello ch’è fatto a mme
st’ommo tavesse acciso
e vuò sapè pecchè
pecchè’ncopp’a sta terra
femmene comm’a tte
nun ce anno a sta pe n’ommo
unesto comm’a mme.

Femmena
tu si na malafemmena
chist’uocchie è fatto chiagnere
lacreme’nfamità
femmena
si tu peggio è na vipera
me’ntuzzecato l’anema
nun pozzo cchiù campà
femmena
si ddoce comm’o zucchero
però sta faccia d’angelo
te serve pe’ngannà
femmena
tu si a cchiù bella femmena
te voglio bbene e t’odio
nun te pozzo scurdà.

Te voglio ancora bbene
ma tu nun sai pecchè
pecchè l’unico ammore
si stata tu pe mme
e tu pe nu capriccio
tutto è distrurro oj ne
ma Dio nun t’ho perdone
chello ch’è fatto a mme.