NANNÌ

Claudio Villa

Guarda che sole ch’e sortito Nannì
che profumo de rose de garofoli e pansè
come tutto un paradiso li castelli so accosì
guarda frascati che cia tutto un sorriso
n’a delizia n’amore n’a bellezza da incantà.

Lo vedi ecco marino
la sagra c’e dell’uva
fontane che danno vino
quant’abbondanza c’è
apresso vie Genzano
cor pitoresco Arbano
su viett’a divertì
Nannì, Nannì.

La c’è l’Ariccia
e più giù c’è Castello
ch’è davvero un gioiello
co que lago da incantà
e le fravole’n profumo
solo a Nemi poi sentì
sotto que lago
un mistero ce stà
de Tiberio le navi
so l’antica civilità.

So mejo de la sciampagna
li vini de ste vigne
ce fanno quella cucagna
dar tempo de Noè
li prati a tutto spiano
so frutte vigne e grano
s’annamo e mette li
Nannì, Nannì.

E sera e già le stelle
te fanno un manto d’oro
e le Velletranelle
se mettono a cantà
se sente quello stornello
risponne un ritornello
che coro viè a sentì
Nannì, Nannì.