NA SERA È MAGGIO

Roberto Murolo

Quanno vene appuntamento
guarde ò mare e guarde è fronne,
si te parlo nun rispunne
staie distratta comm à cché.

Io te tengo dintò core,
songo sempre’nnammurato
ma tu invece à nato
e te staie sucurdanno’e me.

Quanno se dice si! Tienelo a mente,
nun sádda fa muri nu core amante.
Tu me diciste: si,’na sera è maggio,
e mo tiene o curaggio è me lassà.

St’uocchie tuoi nun so sincere
comme a quanno me’ncuntraste,
comme a quanno me diciste:
voglio bene sulo a te.

E tremanno me giuraste,
cu na mano’ncoppa o core,
nun se scorda ò primmo ammore
mo te staie scurdanno è me.