PALLOMMA ’E NOTTE

Sergio Bruni

Tiene mente sta Pallomma
Comme ggira comm’avota
Comme torna nata vota
Sta ceroggena a ttentà
Palummè chisto è nu lume
Nun è rosa è giesummino
E tu a fforza ccà vvicino
Te vuò mettere a vulà

Vattene a lloco
Vattene a pazzarella
E torna e torna a st’aria
Accussì ffresca e bella
O bbi ca io pure
Mm’abbaglio chiano chiano
E ca mm’abbruscio a mano
Pe te ne vulè caccià

Carulì pe’nu capriccio
Tu vuò fa scuntento a nato
E po quanno ll’è lassato
Tu addò n’ato vuò vulà
Troppe cose staie strignenno
Custi mmane picerelle
Ma finisce ca sti scelle
Pure tu te può abbruscia.