REGINELLA

Bovio - Lama

Te si fatto’na vesta scullata
’nu capiello cu è nastre e cu rose
stive’mmiezzo a tre o quattro sciantose
e parlave francese accussì
fuie l’atriere ca t’aggio’ncuntrata
fuie l’atriere a Tuledo gnorsì.

T’aggio voluto bene a tte
tu m’e voluto bene a mme
mo nun ce amammo cchiù
ma a è vvote a tu
distrattamente pienze a mme. (I VOLTA)
distrattamente parle è mme. (II VOLTA)
distrattamente chiamme a mme. (III VOLTA)

Reginè quanno stive cu mmico
nun magnava che pane e cerase
nuie campavamo è vase e che vase
tu cantava e chiagnive pe mme
e ò Cardillo cantava cu ttico
Reginella ò vò bene a stu re.

Oi Cardillo a chi aspiette stasera
nun o vide aggio aperto a caiola
Reginella e vulata e tu vola
vola e canta nun chiagnere ccà
t’è a truvà na patrona sincera
ca e cchiù degna è sentirte è cantà.