SIGNORINELLA

Claudio Villa

Signorinella pallida
dolce dirimpettaia del quinto piano
non v’è una notte
ch’io non sogni Napoli
e son vent’anni che ne sto lontano
al mio paese nevica
il campanile della chiesa è bianco
tutta la legna
e diventata cenere
io ho sempre freddo e sono triste e stanco.

Amore mio
non ti ricordi che nel dirmi addio
mi mettesti all’occhiello una pansè
poi mi dicesti con la voce tremola
non ti scordar di me.

Bei tempi di baldoria
dolce felicità fatta di niente
brindisi coi bicchieri
colmi d’acqua
al nostro amore
povero e innocente
negli occhi tudi passano
una speranza, un sogno, una carezza
avevi un nome
che non si dimentica
un nome lungo e breve: Giovinezza.

Il mio piccino
in un mio vecchio libbro di latino
ha trovato – indovina – una pansè
perchè negli occhi
mi tremò una lacrima
chi sa... chi sa perchè.

E gli anni e i giorni passano
eguali griggi con monotonia
le nostre foglie
più non reinverdiscono
signorinella che malinconia
tu innamorata e pallida
più non ricami
innanzi al tuo telaio
io qui son diventato
il buon don cesare
porto il mantello a ruota
e fo il nataio.
Lenta e lontana
mentre ti penso suona la campana
della piccola chiesa del Gesù
e nevica... vedessi come nevica
ma tu dove sei tu, ma tu dove sei tu.