SIMMO È NAPULE PAISÀ

(Massimo Ranieri & Mario Merola)

Tarantella facennoce e cunte
nun vale cchiù a niente’o passato a penzà
quanno nun ce stanno è tramme
na carrozza’e sempe pronta
nata all’angolo stà già
caccia oj nenna’o crespo giallo
miette a vesta cchiù carella
cu na rosa int’e capille
sa che mmidia’ncuollo a mme
tarantella facennoce è cunte
nun vale cchiù a niente
ò pe comme e’o pecchè.

Basta ca ce sta o sole
ca ce rimasto o mare
na nenna a core a core
na canzona pe cantà
chi ha avuto ha avuto ha avuto
chi ha dato ha dato ha dato
scurdammoce o passato
simmo è Napule Paisà.

Tarantella stu munno e na rota
chi saglie à sagliuta chi sta pe ccadè
dice bbuono’mutto antico
cca se scontato e peccate
ogge a tte... dimane a mme
io nu poco fatto a vino
penzo o male e penzo o bbene
ma sta vocca curallina
cerca mia pe me vasà
Tarantella e si ò munno e na rota
pigliammo ò minuto
che sta pe passà.

Tarantella’cucchiero e n’amico
nun’ngarra cchiù ò vico addò m’adda purtà
mo redenno e mo cantanno
s’è scurdato o copri fuoco
vo sultanto cammenà
quanno sta a Santa Lucia
signuri... ce dice a nuie
cca ce steva a casa mia
so rimasto sultant’j
e chiagnenno, chiagnenno s’avvia
ma p’o a nustalgia,
fa priesto a fernì.