TERRA STRANIERA

Cláudio Villa

Terra straniera... Quanta malinconia
quando ci salutammo, non so perché...
Tu mi gettasti un bacio e fuggisti via:
eppure adesso, te lo confesso,
non penso a te...

Non li ricordo piú quegli occhi belli
pieni di luce calda ed infinita...
Mi son dimenticato i tuoi capelli
e la boccuccia ch’erá la mia vita!
Ma sogno notte e di la mia casetta
la mia vecchietta
che sempre aspetta...
L’amore del paese e della mamma
é una gran flamma
che brucia il cuor...
Questa tristezza, questa nostalgia
sono il ricordo dell’Italia mia!

Terra straniera... Quanto t’ho accarezzata,
dolce chimera della mia gioventú!
Penso com’eri bella... come t’ho amata.
Ma tutto é vano: cosí lontano
non vivo piú!
Finalino:
Mamma... io moriró di nostalgia
se non rivedo te... e l’Italia mia!