TORNA

Milva

Te voglio nata vota’int’a sti braccia
chello ca si nun’importa c’aggia fa
voglio chist’uocchie voglio chesta faccia
addò ce ride ogni felicità
suonno da vita mia
dimme pe qualla via
t’aggia veni’ncunttrà.

Torna
sta casa aspetta te
torna
che smania e te vedè
e torna, torna, torna
ca si ci tuorne tu
nu ce lassammo cchiù.

Cuciento desiderio e mala freva
o speccio ta fermuto e reuinà
quanno partiste stanema chiagneva
pensanno addò putive capità
dimme chi te tratenne
dimme quà so e catenne
c’aggia venì a spezzà.