UÉI PAESANO

Nicola Paone

som

Uéi paesano, uéi paesano
uéi paesano, uéi paesano
uéi paesano come stá
uéi paesano come stá.

I
L’Italia é piccolina c’é gente in quantitá
e questa e la rovina che non si puó campá
ognuno vuole andare all’estero si sá
per guadagnar del pane
per babbo e per mammá
lasciando la famiglia
di casa se ne va
guadagna il pane si
ma perde la felocitá.

Uéi paesano, uéi paesano
uéi paesano, uéi paesano
lei sa che quel che dico e veritá.

Seper le vie del mondo
vede un tipo ch’é italiano
vada a stringergli la mano
perché si rallegrerá.

II
Inchiostro carta e penna carissima mammá
io quí sto molto bene non ti preocupar
tu dimmi come stai e come stá papá
ti prego di respondere non mi fare aspettar.

É aspetta, aspetta
un giorno una lettera ci stá
é la sorella e scrive
che non c’é piú mammá.

Uéi paesano, uéi paesano
uéi paesano, uéi paesano
lei sa che quel che dico é veritá.

Seper le vie del mondo
vede un tipo ch’é italiano
vada a stringergli la mano
chissá in cuor che cosa ci ha (BIS)

Lei é forse piemontese, lombardo o genovese
e veneto o giuliano, trentino o emiliano
dalle marche oppur toscano
forse umbro mio paesano
dall’abbruzzo o dalla matera
dalla nostra Roma eterna
e di napoli, pugliese
forse ardo o calabbrese
lucano o siciliano
cosa importa é italiano
e s’é italiano basta giá.