VECCHIA ROMA

Claudio Villa

Oggi er modernismo del novecentismo
rinnovanno tutto va
e l’usanze antiche e semplici
so ricordi che sparischeno
e tu Roma mia senza nostargia
segui la modernità
fai la progressista
l’universalista
do chi okai, hallò, tankyou, jà, jà.

Vecchia Roma
sotto la luna nun canti più
li starnelli
le serenate di gioventù
er progresso t’ha fatta grande
ma sta città
nun è quella’ndo se viveva
tant’anni fa
più nun vanno l’innamorati
per lungo tevere
a rubasse li baci a mille
la sotto l’arberi
e li sogni sfoiati all’ombra
d’un cielo blù
so ricordi der tempo bello
che nun c’è più.

Oggi le maschiette con le polacchette
certo nun le vedi più
gli abiti scollati portano
controluce traspariscono
senza complementi
nei caffè le senti
di politica parlar
vanno a ogni comizio
chiedono il divorzio
mentre a casa stanno a degiunar.