VOLA, COLOMBA...


Nilla Pizzi

I
Dio del ciel, se fossi una colomba,
vorrei volar laggiù, dov’è il mio amor
che, inginocchiata, a San Giusto
prega con l’animo mesto:
“Fa che il mio amore torni... ma torni presto!”...

Vola, colomba bianca, vola...
diglielo, tu, che tornerò...
dille che non sarà più sola
e che mai più la lascierò!...

II
Fummo felici, uniti... e ci han divisi...
ci sorrideva il sole, il cielo e il mar...
noi lasciavamo il cantiere,
lieti del nostro lavoro, e il “Campanon”... din... don...
ci faceva il coro.

III
Tutte le sere, m’addormento, triste
e, nei miei sogni, piango e invoco te,
pure “el mio vecio” ti sogna,
pensa alle pene sofferte...
piange e... nasconde il viso tra le coperte...

FINALE:
(a bocca chiusa)
Dio del ciel... doglielo tu...!