PÁGINA 2

AVANTI E INDRÉ

Nilla pizzi

Quand’ero piccolino
la vecchia zia Evelina
in cambio di um inchino
mi dava mezza lira
e allora me ne andavo
di corsa sul bastion
salivo sulla giostra
al dolce suon d’un organino
e sul cavallo a dondolo
cantavo una canzon.

Cincin che bel ohé ohé ohé
Cincin che bel ohé ohé ohé
Cincin che bel ohé ohé ohé
avanti e indré avanti e indré
che bel divertimento
avanti e indré avanti e indré
la vita é tutta quá.

Divenni piú grandino
e marinando scuola
al pubblico giardino
conobbi una bambina
avenne che il mio cuore
di colpo s’incendió
la sera lei passavav
sotto la mia finestrella
vedeva il padre mio
e sospirava allor cosí

Cin cin che bel ecc...ecc...

Ma un giorno la bambina
partí per far l’alpina
scriveva letterine
amore sto benone
che pacchia nel cortile
del grande casermon
chilometri e chilometri
col 91 a spalla
e insieme al maresciallo
ripetiamo una canzon.
Cin cin che bel ecc... ecc...

AVEVA UN BAVERO

Racconto Popolare di V. Ripa – Panzeri - Canta Katyna Ranieri

I Strofa:
Nelle sere fredde e scure, presso il fuoco del camino,
quante storie, quante fiabe raccontava il mio nonnino;
la più bella ch’io ricordo è la storia di un amore,
di un amore appassionato che felice non finì.
Ed il cuore di un poeta a tal punto intenerì
che la storia di quel tempi mise in musica così..

Ritornello:
Aveva un bavero color zafferano
e la marsina color ciclamino,
veniva a piedi da Lodi a Milano
per incontrare la bella Gigogin.
Passeggiando per la via
le cantava: Mio Dolce Amor!
Gigogin, speranza mia,
coi tuoi baci mi rubi il cuor!

II Strofa:
Ma, con altri del paese, in Piemonte fu mandato
e, per esserle vicino col suo cuore innamorato,
sopra l’acqua di una roggia che passava per Milano,
perchè lei lo raccogliesse, ogni di posava un fior.
Lei, con ansia, lo aspettava sospirando: Torna Amor!
E, bagnandolo di pianto, lo stringevaforte al cuor.

Ritornello:
Aveva un bavero ecc...

III Strofa:
Lui, saputo che il ritorno finalmente era vicino,
sopra l’acqua un fior d’arancio deponeva un bel mattino;
Lei, vedendo e indovinando la ragione di quel fiore,
per raccogierlo, si spinse tanto tanto che cascò,
sopra l’acqua, con quel fiore, verso il mare se ne andò...
e anche lui, per il dolore dal Piemonte non tornò…
Ritornello:
Aveva un bavero color zafferano
e la marsina color ciclamino,
veniva a piedi da Lodi a Milano
per incontrare la bella Gigogin.
Lei lo attese in una via
fra le stelle stringendo un fior
e, in un sogno di poesia,
si trovaron uniti ancor.

BALLIAMO

Fred Bongusto

1º Balliamo e da tanto tempo
che non lo facciamo
balliamo c’è una musica
che piace pure a te
andiamo questa sera
sono in vena di follie
noi due stretti, stretti
come tanto tempo fa
che scena, io ti guardo
e più mi sembri una regina
sei stupenda
nel tuo abito da sera
così bella
non ti avevo vista mai.

2º Sei grande quando dici
che tu ami un’incoscente
più grande quando ammetti
che anche tu vuoi così.

D’accordo ho un carattere
che è un po particolare
eppure dimmi chi
ti può capire più di me
balliamo, sembra scritta
per noi due questa canzone
è una storia
che assomiglia al nostro amore
un amore mezzo pazzo
come me.

..................................................
Balliamo, non vorrei
che fosse l’ultima canzone
tre minuti per convincerti
che amore
un amore mezzo pazzo come me
daí, balliamo.

BANDIERA TRICOLORE

Canti Popolari Italiani

E la bandiera dei tre colori
sempre e stata la piú bella
noi voglimo sempre quella
noi vogliam la libertà
noi voglimo sempre quella
noi vogliam la libertà
la libertà la libertà.

Tutti uniti in un sol patto
stretti intorno alla bandiera
griderem mattina e sera
viva viva i tre color
griderem mattina e sera
viva viva i tre color
i tre color i tre color.

BELLA CIAO

Rita Pavone

Una mattina mi son svegliato
oh bella ciao bella ciao
bella ciao ciao ciao
una mattina mi son svegliato
ho trovato l’invasor.

Oh partigiano portami via
oh bella ciao bella ciao
bella ciao ciao ciao
oh partigiano portami via
che mi sento di morir.

Se io muoio da partigiano
oh bella ciao bella ciao
bella ciao ciao ciao
se io muoio da partigiano
tu mi devi sepellir.

Mi seppellirai lassù in montagna
oh bella ciao bella ciao
bella ciao ciao ciao
mi seppelliarai lassù in montagna
sotto l’ombra d’un bel fior.

E tutti quelli che passeranno
oh bella ciao bella ciao
bella ciao ciao ciao
e tutti quelli che passeranno
lo diranno che bel fior.

E questo e il fiore del partigiano
oh bella ciao bella ciao
bella ciao ciao ciao
e questo e il fiore del partigiano
che si chiama libertà.

BELLA RAGAZZA DELLE TRECCE BIONDE

Di Ricci
Canta Le Voice

Bella ragazza dalle trecce bionde
Per nome vi chaimate veneranda
Li giovani per voi fanno la ronda
Babbo non vuole mamma nemmeno } BIS
Come faremo a fare lamor.

Se voi; venir, venite in paradiso
Vi troverete o bella un girasole
Che sempra fatto pe baciarvi il viso.

E poi mi date un sguardo a rubacuore
Io bella, proprio a voi lo voglio dare
Quel fior che tengo che mi ha dato amore.

Poi vi diró che rosa un primavera
Non é quanto voi siete tanto cara
E voi ci avete gusto e buona sera.

BELLA SENZ’ANIMA

Ricardo Cocciante

E adesso siediti,
su quella seggiola
stavolta ascoltami,
senza interrompere.

È tanto tempo che,
volevo dirtelo
vivere insieme a te,
è stato inutile
tutto senza allegria,
senza una lacrima
niente da aggiungere,
nè da dividere
nella tua trappola,
ci son cadutoanch’io
avanti il prossimo,
gli lascio il posto mio
povero diavolo,
che pena mi fa,
e quando a letto lui,
ti chieder... di più
glielo concederai,
perchè tu fai così
come sai fingere,
se ti fa comodo.

Adesso so chi sei,
e non ci soffro più
e se verrai di i...,
te lo dimostrer
e questa volta tu,
te lo ricorderai
e adesso spogliati,
come sai fare tu
ma non illuderti,
io non ci casco più
tu mi rimpiangerai,
bella senz’anima.

BUONA NOTTE COSENZA

Claudio Villa

Buona notte
buona notte Cosenza
questa sera canto a te
la serenata
donne belle
mentre tutte sognate
il mio canto è il tormento
di un sogno d’amor.

Aprite le finestre
o cosentine
guardate in ciel
le stelle ad una ad una
vi parlano d’amore
e di mistero
vi portano la fiamma
del mio cuor.

Donne belle
amate... sognate
donne belle
stanotte cantate com me
ah... ah...

C’ERA UM RAGAZZO CHE COME ME

The Dreamers

C’era un ragazzo che come me
amava i Beatles e i Rolling Stones
girava il mondo veniva da
gli Stati Uniti d’America
non era bello ma accanto a se
aveva mille donne se,
cantava help ticket to ride
o Lady Jane o yesterday
cantava viva la libertà
ma ricevette una lettera
la sua chitarra mi regalò
fù richiamato in America
stop coi Rolling Stones
stop coi Beatles stop
m’han detto va nel Vietnam
e spara ai Vietcong
ra-ta-ta-ta-ta-ta-ta...

C’era un ragazzo che come me
amava i Beatles e i Rolling Stones
girava il mondo e poi finì
a far la guerra nal Vietnam.
Capelli lunghi non porta più
non suona la chitarra ma
uno strumento che sempre da
la stessa nota ra-ta-ta-ta
non há più amici non ha più fans
vede la gente cadere giù
nel suo paese non tornerà
adesso è morto nel Vietnam
stop coi Rolling Stones
stop coi Beatles stop
nel petto un cuore più non ha
ma due medaglie o tre
ra-ta-ta-ta-ta-ta-ta-ta...

CALABRISELLA

Rocco Granata

La viti a la fiumara chi lavava
calabrisella mia cu l’occhi scuri
e mentre appassiunata mi vardava
in nci rubai lu megghiu muccaturi.

Calabrisella mia calabrisella mia
calabrisella mia sciúri d’amuri.

Lalleru lalleru lalleru lallà
sta calabrisella muriri mi fa } BIS

Tutta sudata di l’acqua venia
‘nci dissi dunammindi na schizzella
acqua non si ndi duna pi la via
stasira venittindi a la mi cella.

Calabrisella mia calabrisella mia
calabrisella mia sciúri d’amuri.

Lalleru lalleru lalleru lallà
sta calabrisella moriri mi fa } BIS