PÁGINA 4

CHELLA LLÀ

Bertini - Taccani
Canta Teddy Reno

St’ammore me teneve’incatenato
ma ho detto basta e me so liberato
me pare cchiù turchino o cielo
me pare cchiù lucente o sole
e o core canta p’a felicità.

Chella llà, chella llà
mo va dicenno ca me vò lassà
se crede ca me faccio o sangue amaro
se crede ca’mpazzisco e po me sparo
chella llà, chella llà
nun sape che piacere ca me fa
me ne piglio nata cchiù bella
e zetella resterà
chella llà, chella llà, chella llà.

A iere m’ha mannato nu biglietto
p’a figlia do portiere dirimpetto
me dice ca nun è felice
e ca vurria cu me f’a pace
ma io me sto gustanno’a libertà.

Teneva’a faccia gialla e l’uocchie stuorte
è invece’i songo o re d’o sesso forte
e femmene cchiù fresche e belle
arreto a me se fanno a mille
e faccio a cuncurrenza a nu pascià.

CHIESETTA ALPINA

I Girasoli

C’e una chiesa alpina
dove già rintocca una campana
nel vederla così in alto
pare in cielo e più lontana
col suonno par che dica a un cuor
nel dolce vespro mattutin
alla chiesetta tutta in fior
ritornerai mio bel alpin.

S’ode un suono ma non è più
la campana della chiesetta
’e il silenzio della sera
che pian pian suona la trombetta
più piano come in un sospir
fra breve non si sente più
ma al bruno alpino par d’udir
la campanella di lassù.

Rosellina che col gregge vai sui monti
di buon mattino
e con ansia e fede aspetti
che ritorni il tuo bel alpino
se pur lontano il bruno alpin
a te soltanto penserà
e un di vedrai che a te vicin
felice ancor ritornerà.

Ed un giorno assai più forte
suona a festa la campanella
è tornato il bruno alpino
e Rosellina si fa più bella
e bianca e pura come un fior
che il sol di maggio sbeccerà
e la campana con amor
per quelle nozze suonerà
per quelle nozze suonerà.

CHITARRA ROMANA

Connie Francis
Claudio Villa

Texto di B. Cherubini – E. di Lazzaro
Musica di E. di Lazzaro

I
Sotto in manto di stelle
Roma bella mi appare,
solitario il mio cuor
di silluso d’amor
vuol nell’ombra cantar...
Una muta fontana
e un balcone lassù...
O chitarra romana, accompagnami tu!

Ritornello:
Suona, suona mia chitarra,
lascia piangere il mio cuore,
senza casa e senza amore,
mi rimani solo tu!
Se la voce è un po’velata
accompagnami in in sordina...
La mia bella Fornarina
al balcone non c’è più!...

II
Lungo tevere dorme
mentre il fiume cammina...
Io lo seguo perché
mi trascina con sé
e travolge il mio cuor...
Vedo un’ombra lontana
e una stella lassù...
O chitarra romana
accompagnami tu!
Finalino:
O chitarra romana
accompagnami tu!...

CIAO AMORE

Luigi Tenco

La solita strada
bianca come il sale
il grano da crescere
i campo d’are
guardare ogni giorno
se piove o c’è il sole
per saper se domani
se vive o si muore
e un bel giorno dire
basta e andare via.

Ciao amore, ciao amore
ciao amore ciao
ciao amore, ciao amore
ciao amore ciao.

Andare via lontano
cercare un’altro mondo
e dire addio al cortile
andarsene piangendo.

E poi mille strade
grigge come il fumo
in un mondo di luci
sentirsi nessuno
saltare cent’anni
in un giorno solo
dai carri nei campi
agli aerei nel cielo
e non capirci niente
e aver voglia di tornare.

Ciao amore ecc... ecc...

Non saper fare niente
in un mondo che sa tutto
e non avere un soldo
nemmeno per tornare.

Ciao amore ecc... ecc.

CIURI CIURI

Canti Popolari Italiani - Sicília

Ciuri ciuri ciuri di tutto l’annu
l’amuri ca mi dasti ti lu tornu
ciuri ciuri ciuri di tutto l’annu
l’amuri ca mi dasti ti lu tornu
la la la la la la la la la la

Lu sabatu si sapi è allegra cori
biatu cu avi bedda la muggheri
cu l’avi bedda ci porta i dunari
cu l’avi brutta ci mori lu cori.

Si troppu dispittusu tu cu mia
cascu du letto su mi’nsonnu a tia
si brutta’nta la facci e’nta lu cori
cu tia ju non mi vogghiu maritari.

Ciuri di rosi rossi a lu sbucciari
amara a cui li to paroli criri
l’omini siti tutti munsignari
ju non ti vogghiu no ti ni po iri.

COME HAI FATTO

Domenico Modugno

Ma come hai fatto
a farmi innamorare così tanto
mi guardo nello specchio
e mi domando
se quello li sono io
ma come hai fatto
a far della mia vita
una tua cosa
a trasformare il tempo
i n una attesa
di rivedere te
no, non attento
questa mia vita
e più ci penso
e più e un filo
nelle tue mani
ma come hai fatto
non so nemmeno quando a incominciato
io so soltanto che nella mia vita
non è accaduto mai
la prima volta
che dico veramente
ti voglio bene.
..................................................................
Negli occhi miei
nei miei pensieri
in ogni istante della mia vita
sempre vicino a me
ma come hai fatto
a far della mia vita una tua cosa
a trasformare il tempo
un una attesa
di rivedere te
la prima volta
che dico veramente
ti voglio bene.

COME LE ROSE

Claudio Villa

Son tornate a fiorire le rose
a le dolci carezze del sol
le farfalle s’inseguon festose
nell’azzurro con trepido vol
ma le rose non sono più quelle
che fiorirono un giorno per me.
Queste Rose son forse più belle
ma non hanno profumo per me.

Ah la tua voce gentile
più non allieta il mio core
come le Rose d’aprile
le gioie d’amore son morte per me.

Queste Rose baciate dal sole
nel silenzio dei vesperi d’or
non sentiron le dolci parole
che il tuo cuore diceva al mio cuor
quelle Rose non hanno più vita
come i sogni di mia gioventù
è un ricordo ogni foglia appassita
quelle Rose non parlano più

no... del mio tempo passato
l’aprile beato non torna mai più.

COME PIOVEVA

Massimo Ranieri

C’eravamo tanto amati
per un anno e forse più
c’eravamo poi lasciati
non ricordo come fù
ma una sera c’incontrammo
per fatal combinazion
ed insieme riparammo
dalla pioggia in un porton
elegante nel suo velo
con un bianco cappellin
dolci gli occhi suoi di cielo
sempre mesto il suo visin.

Ed io pensavo ad un sogno lontano
a una stanzetta d’un ultimo piano
quando d’inverno al mio cor si stringeva.
Come pioveva come pioveva.

Ma il ricordo del passato
fu per lei il più gran dolor
perchè al mondo aveva dato
la belezza ed il candor
così quando al suo portone
un sorriso mi abbazzo
nei begli occhi di passione
una lagrima spuntò
io non l’ho più riveduta
se è felice chi lo sà
ma se ricca o se perduta
ella ognor rimpiangerà.

Quando una sera in sogno lontano
nella vettura io le presi la mano
quando salvare ella ancor si poteva
come pioveva... così piangeva.

COME PRIMA

Domenico Modugno

Come prima più di prima t’amerò
per la vita la mia vita di darò
sembra un sogno
rivederti e accarezzarti
le tue mani
fra le mani stringere ancor
il mio mondo tutto il mondo sei per me.
A nessuno voglio bene come a te
ogni giorno ogni istante
dolcemente ti dirò
come prima più di prima t’amerò.

Come prima più di prima t’amerò
per la vita la mia vita di darò
ogni giorno ogni istante
dolcemente ti dirò
come prima più di prima t’amerò.

COME SAPREI

Giorgia

Come saprei
Capire l'uomo che sei
Come saprei
Scaprire poi
Le fantasie che vuoi
Io ci arriverei
Nel profondo dentro te
Nei silenzi tuoi
Emozionando
Sempre piu'
Come saprei
Stupire l'uomo che sei
Quando stai li'
E non sai
Che voli prendere
Come saprei
Richiamare gli occhi tuoi
Incollarli ai miei
Emozionando sempre piu'
Nei mondo che
Solitudini ci da'
Perch non resti un po'con me
Come saprei
Amarti io
Nessuno saprebbe mai
Come saprei
Riuscirci io
Ancora non lo sai
Io ci mettero'
Tutta l'anima che ho
Quanta vita sei
Da vivere adesso come saprei

Io vorrei che fosse gia' pele
Il contatto che c'e'
Io vorrei che fossero stelle
Ogni volta com te
Come saprei
Amarti io
Nessuno saprebbe mai
Come saprei
Riuscirci io
Ancora non lo sai
Io ci mettero'
Tutta l'anima che ho
Quanta vita sei
Da vivere adesso come saprei

Quanto amore c'e'
Pronto a scoppiare in me
Quanta vita sei
Da vivere adesso
Si' adesso
Come saprei